Cultura Letture

Il Culturista/22

Ventiduesimo appuntamento con Il Culturista, a cura di Marco Parlato.

Con la diffusione di notizie tramite i social è aumentata la cadenza dei cosiddetti cicli di cronaca. Qualcuno ricorderà i semestrali servizi televisivi sui pitbull mordaci; sembrava che le aggressioni dei poveri cuccioloni, vilmente e ingiustamente demonizzati, dovessero seguire le stagioni non meno di quanto facciano i monsoni.

Ora che basta un clic per condividere le notizie in gruppi molto seguiti, mensilmente veniamo a sapere di azioni vandaliche, piccoli crimini, marachelle e birichinate commesse da giovanissimi. È in queste occasioni che sperimento la pelle d’oca, io che freddoloso non sono mai stato, leggendo i commenti.

Una schiera di convinti risolutori della questione, che propongono il loro metodo di riabilitazione per i giovani teppisti, e che cito copiando e incollando commenti realmente presi dalla rete: “a calci in culo fino a casa”, “schiaffoni”, “da prendere a mazzate così gli passa la voglia”, “con mamma mia già avrebbero…” seguono atti di violenza fisica casuali; “le mazzate, le mazzate”, “dovrebbero restarci secchi”, “finché in Italia non sarà introdotta la pena di morte…”, “pochi boccatoni”, “campi di lavoro forzati”, “propongo squadre punitive”, “schiaffoni a due a due fino a quando non diventano dispari”, quest’ultima immancabile, in un paesone come il nostro nel quale ognuno si sente un comico, con battute stracotte da almeno un millennio.

Insomma, che siano schiamazzi o danni veri, che i colpevoli siano realmente minorenni oppure no, la soluzione più condivisa è davanti ai nostri occhi.

Questi esperti pedagogisti oppongono alla montessoriana educazione cosmica le loro mazzate galattiche, che risolvono ogni problema e fanno crescere bene i figli. 

D’altra parte loro stessi dichiarano di essere stati tirati su così.

Ora immaginiamo camerette anni ’60, anni ’70, un caleidoscopio di epoche, con cambio di sfumature e colori, sottofondi musicali diversi, ma sempre figli scalmanati, diversi e uguali, tutti percossi da palmi coriacei, da solide cucchiare, come fossero informi blocchi di marmo che lo scultore colpisce per estrarne un capolavoro.

Ed ecco il capolavoro: adulti che non vedono l’ora di mettere le mani addosso a qualsiasi minorenne, a fin di bene, sia chiaro, per impartire loro la stessa energica educazione che li ha resi adulti frustrati, sanguinari, bava alla bocca e mani sulla tastiera, talmente scalmanati che verrebbe da pensare a una soluzione per calmarli. Forse basterebbe chiamare i genitori.

Per scrivere al culturista: ilculturistafoligno@gmail.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: